Di Sait Vo Lusérn



20/01/2017
()

LESAN UN LÜSNEN: ELTARE UN DJUNGE, ALLE IN DA GELÀICHEGE STÒRDJA

Amare la lettura attraverso un gesto d’amore: un adulto che legge una storia. Il progetto Nati per Leggere è un progetto nazionale, promosso da Associazione Culturale Pediatri, Associazione Italiana Biblioteche, Centro per la salute del bambino Onlus, che si propone di favorire la diffusione della lettura ad alta voce nella primissima infanzia, vista come un’opportunità fondamentale di sviluppo affettivo e cognitivo per il bambino.
(Bruno Tognolini per Nati per Leggere)


Ai bambini i libri piacciono, ancora di più piacciono quando, a leggere le storie, sono mamma e papà. Ai miei bambini non ho mai smesso di leggere. Certo, sanno farlo anche da soli, ormai sono grandicelli, ma trovarsi la sera, magari abbracciati nel lettone, con una bella storia da condividere, crea quell’intimità che, dopo una giornata di impegni e di corse, aiuta ad apprezzare lo stare insieme. Letture ad alta voce sono spesso proposte anche nella nostra Biblioteca Comunale di Lusérn e riscontrano sempre una grande partecipazione. Se però le letture che fanno i genitori o i nonni ai loro bambini sono belle già per il fatto che i grandi siano lì e diano attenzione ai piccoli, che si sentono coccolati e protetti, quelle fatte nelle biblioteche richiedono anche una capacità di raccontare che si può imparare. Per questo l’Ufficio per il Sistema Bibliotecario Trentino organizza un corso di formazione per diventare lettori volontari di Nati per leggere.
Il corso è completamente gratuito e si articola in dodici ore di formazione, organizzati in due incontri previsti nelle giornate di venerdì 17 febbraio con orario 9.00 – 13.00 e 14.00 – 18.30 e venerdì 3 marzo con orario 9.00 – 13.30, che si svolgeranno a Trento, presso il Palazzo delle Albere. 
Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 9 febbraio tramite compilazione della scheda online disponibile sul sito https://www.cultura.trentino.it/Biblio/Nati-per-Leggere/Corso-per-Volontari-Nati-per-Leggere

Lesan un lüsnen stördje iz eppaz boda tüat garècht alln, bemda lest un bemda lüsant. 
Daz groaz boda lest mage bidar höarnse khinn un lazzan gian di pensìare bodada hèrta, ber mearar, ber mindar, hatt, un ’z khinn boda lüsant mage lirnen naüge börtar, khennen naüge sachandar un vorliarnse in di stòrdje ena zo vörtase nètt zo venna in bege zo kheara bodrùmm.
Vil vert, daz abas, bida ånka moine khindar soin groaz, legeme sèmm pitt se un les pittnåndar a stòrdja, magare an libar bosa muchan lesan vor di schual. Da lesanen liabar un lirnen druazoredada o. 
Di khindar von Khlummane Lustege Tritt, pittn gröazarn von asilo, khemmen alle bochan in bibliotèk un alumma, soinsa sa guat zo zornìra di libarla
boden gevalln. Di khlumman khindar süachan auz libarla pittn dikhan padjine zo magaze håmpfln, di gröazarn anvétze bölln lengarne stòrdje, ma alle soin luste zo maga auzsüachan alumma bazzen gevallt un, vor alle, soinda libadar boda gian guat. 
Ma muchtze nia vörtn azta di khindar lesan lai bazzen gevallt, da muchan lesan bazza bölln zoa zo lirna haltn gearn di libadar: berda hatt khindar bart bizzan ke ’z khint vür vil vert ke da bölln haltn in gelàichege libar vor månat un bölln azmen aukontàr alle abas, hèrta daz gelàichege stòrdjele. 
Di måmme khönmar ke in se khintzen auz pa oarn, di khindar anvetze böllatnz neméar prengen bodrùmm in di bibliotèk.
Da earst bòtta boda di khindar khemmen pittar schual, vorsen zo halta gearn in libar ombrómm drinn soinda di stòrdje boda dar libar schenkhten. Vor ditza muchansen haltn azpe a tschell, nètt dartzèrrnen odar auskritzanen, ma haltnen nåmp zo lesa un dena lengen dèstar aftn komodì odar afnan skafàl. Un pròpio ombrómm ’z iz a guatar tschell, muchansen prengen bodrùmm zoa azta di åndarn khindar o mangen khennen un haltnen gearn.
Bintsche bort boda però nemparn ünsarne khindar in libadar un, balsa soin groaz, bartnsa soin kontént zo vennada drinn alumma naüge tschelln boda lem übar di bèlt ma bosa mang vennen aniaglana bòtta bosa insorìrn. 
Ber da bill, mage khemmen in bibliotèk zo lesa au di libarla soin khindar, ’z izta a schümma kantoüle inngerichtet lai vor di khlumman, pittnan tischle un pitt dèstre karègla, zo magase sitzan.
Lesan vor di khindar von åndarn iz malaméntrar baz lesan vor di soinen, un vor ditza dar Provintzalbüro von bibliotèke lekk au an kurs zo lirna. Berdasan bill bizzan mearar mage khemmen in di Bibliotèk vo Lusérn zo vorsa.

N.G.

 

Trentino, Di Sait vo Lusérn, venerdì 20 gennaio 2017
LESAN UN LÜSNEN: ELTARE UN DJUNGE, ALLE IN DA GELÀICHEGE STÒRDJA

CONDIVIDI