Cultura

Proverbi di Luserna



"Boinichtn in schnea, Oastarn in khlea."  Natale con la neve, Pasqua con il trifoglio.

"Dar Vinkh vinkht, dar schnea is da."  Il fringuello "fringuella ", la neve è qua.

"Sant’Andrea augemist pit schnea." 
Sant’Andrea “mescolato” con la neve.

"A Santa Kataroin boaspar net bi dar  da bart soin, ma a Sant’Andrea saibar sichar augemist pit schnea."  A Santa Caterina non sappiamo se ci sarà, ma a Sant’ Andrea saremo sicuramente  con la neve.

"Be da dar må hat an groasan kroas,  ’s bettar git um."  Quando la luna ha un grande alone, il tempo peggiora.

"S’ista di sun und renk, dar taüvl hat  geschlakh soi baibe."  Piove e c’è il sole, il diavolo ha picchiato sua moglie.

"San Paul konvers, kheart di burz zuar dar khers."  San Paolo convertito, la radice si volge alla ciliegia.

"Balda krakn di kre khint dar bint."  Quando gracchiano i corvi, arriva il vento.

"Bi’s tondart in aprile soinda no hintar Nöün tage bintar."  Quando tuona in aprile, vi sono ancora nove  giorni d’inverno.

"Balda scherzan di khüa, barnensa a schaüla bettar." 
Quando le mucche saltano, “spiano” il brutto tempo.

"Ber da in lest von jennar khocht net in pučin lebet net lengar." 
Chi l’ultimo di gennaio non prepara il pučin, non vivrà a lungo.

"A khnot bo da rodlt bart nia machan rakh." 
Un sasso che rotola non potrà mai fare muschio.

"Bal da di khatz velt di maüs tånzan. Aspe di altn hån gesungen, asò visplnda di jungen."
 
Quando il gatto manca, i topi ballano. Così come cantavano i vecchi, fischiano i giovani.

"Du mochst sparn pan lukh, omrom at’n pon is karza spet." 
Devi risparmiare quando ancora sei al coperchio perché, quando sei sul fondo, è troppo tardi.

"S’baibe bo da net straitet, dar hunt bo da net pelt, di khatz bo da net vånkh maüs, mochtmase net haltn in haus." 
La donna che non brontola, il cane che non abbaia, il gatto che non caccia i topi, non bisogna tenerli in casa.

"Rümbl rümbl ber da eppas git geat in hümbl; raübl raübl ber da nicht git geat kann taüvl." 
Cielo cielo, chi qualcosa dà va in cielo, cavolo cavolo, chi nulla dà va dal diavolo.

"Dar taüvl schaist herta at’n groas hauf." 
Il diavolo la fa sempre sul mucchio più grosso.

"Vil töala, khlummane öarla." 
Molte parti, piccole orecchie (molte bocche da sfamare).

"S’estle ber das vint un di vögela ber da se nimt." 
Il nido di chi lo trova, gli uccelli di chi li prende.